in

Un’anomala valutazione di non anomalia

Tar Sicilia, Catania, sez. IV, 9 luglio 2019, n. 1734

Nell’ambito di una gara per l’affidamento del servizio di gestione, notifica di sanzioni amministrative e di ingiunzione fiscale emesse per infrazioni al codice della strada nei confronti di cittadini stranieri residenti all’estero e recupero crediti internazionale, un offerente propone un ribasso del  92,857% sull’aggio del 35% posto a base di gara e, quindi, un aggio del 2,5% sul riscosso.

La SA valuta positivamente le spiegazioni proposte e aggiudica la commessa.

In giudizio Tar Sicilia, Catania, sez. IV, 9 luglio 2019, n. 1734 annulla il provvedimento di aggiudicazione.

“Riguardo al tema della congruità dell’offerta va rilevato che un ribasso del 92,857% costituisce di per sé un dato fortemente sintomatico della non congruità dell’offerta, a meno di non volere sostenere la tesi di un’accentuata sovrastima del corrispettivo a base d’asta”.

L’omissione di taluni costi, nonché la sottostima clamorosa dei costi del personale, hanno consentito al giudice di sostituirsi nelle valutazioni alla stazione appaltante, in quanto era palese la macroscopica irragionevolezza del provvedimento impugnato.

Cosa ne pensi?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Scritto da Elvis Cavalleri

Senior partner della società TrasP.A.re, specializzata in contratti pubblici; laureato in scienze e gestione dei servizi (scienze della pubblica amministrazione) ed in scienze del servizio sociale; laureando in giurisprudenza; esperienza decennale in qualità di dipendente di pubbliche amministrazioni nella gestione di gare d'appalto; curatore scientifico del portale giurisprudenzappalti.it