in

No motivazione, si rotazione

Tar Lazio, Roma, sez. II, 03 giugno 2019, n. 7062

La stazione appaltante- ha invitato tutti gli operatori economici qualificati iscritti nel proprio albo fornitori (8 operatori economici.) a presentare un’offerta, invito al quale hanno risposto due operatori economici, uno dei quali era il gestore uscente, successivo aggiudicatario della gara.

Parte ricorrente lamenta quindi la violazione dei principio di rotazione in quanto la gara è stata aggiudicata al gestore uscente senza che ricorresse alcuna delle ipotesi in cui è ammessa una deroga all’applicazione del predetto principio, così come individuate dalle Linee Guida ANAC n. 4 e dalla giurisprudenza;

L’appalto di cui si controverte, prosegue, è pacificamente sotto soglia e che la procedura oggetto di impugnazione non è aperta, bensì negoziata potendovi partecipare soltanto gli operatori economici iscritti nell’albo fornitori della stazione appaltante che avevano ricevuto lettera d’invito;

Il Tar Lazio, Roma, sez. II, 03 giugno 2019, n. 7062 conviene con parte ricorrente, ed oltre a rammentare i principi ormai consolidatisi sul tema, per i quali si rimanda alla lettura integrale della sentenza, ha precisato che “la violazione del principio di rotazione, ex art. 36 del d.lgs. n. 50/2016, nel caso di specie si sostanzia non nell’invito del precedente affidatario a prendere parte alla gara, ma nella omessa puntuale motivazione della decisione assunta che travolge conseguentemente anche la successiva aggiudicazione”.

Interessante anche la questione processuale relativa al rito superspeciale, in relazione al quale l’odierno Collegio si è discostato da quanto statuito da Cons. Stato, sez. V, 17 gennaio 2019, n. 435, che aveva attratto nel perimetro operativo anche illegittimità connesse giustappunto alla non corretta applicazione del principio di rotazione.

Scritto da Elvis Cavalleri

Senior partner della società TrasP.A.re, specializzata in contratti pubblici; laureato in giurisprudenza, in scienze e gestione dei servizi (scienze della pubblica amministrazione) ed in scienze del servizio sociale; esperienza decennale in qualità di dipendente di pubbliche amministrazioni nella gestione di gare d'appalto; curatore scientifico del portale giurisprudenzappalti.it