in

La pubblicazione degli atti di gara ai sensi dell’art. 29 comma 1 del Codice “prevale” sulla omessa comunicazione ex articolo 76.

Tar Sicilia, Palermo, Sez. III, 26/02/2021, n.703.

I termini per ricorrere avverso gli atti di una procedura di gara decorrono dalla pubblicazione generalizzata degli atti di gara, comprensiva anche dei verbali (ivi comprese le operazioni tutte e le valutazioni operate dalle commissioni di gara delle offerte presentante) ai sensi dell’art. 29, comma 1, ultima parte, D.Lgs. n. 50 del 2016.

Questa la sintesi della Sentenza del Tar Sicilia, che applica i principi della recente decisione dell’Adunanza Plenaria ( vedi https://www.giurisprudenzappalti.it/sentenze/termini-di-ricorso-avverso-aggiudicazione-ed-accesso-agli-atti-di-gara-i-principi-della-adunanza-plenaria/).

La ricorrente impugna l’aggiudicazione deducendo che  alla gara, conclusasi in data 19.11.2020 con il provvedimento di aggiudicazione definitiva in favore della società controinteressata, non aveva fatto seguito la comunicazione ex art 76 del D.lvo n. 50/ 2016 a tutti i concorrenti ammessi.

Per questo,  solo in data 11.1.2021 la ricorrente si avvedeva dell’errore commesso dal seggio di gara nella determinazione della soglia di anomalia, e di conseguenza procedeva prima con istanza per l’autotutela e successivamente con il ricorso al Tar.

Ma, stabilisce Tar Sicilia, Palermo, Sez. III, 26/02/2021, n.703, i termini erano ormai decorsi, ed il ricorso deve essere dichiarato irricevibile:

Considerato che, in accoglimento delle eccezioni delle controparti, il ricorso deve essere dichiarato irricevibile per le considerazioni che seguono:

– è incontestato in atti che, nella fattispecie, non si sia provveduto alla comunicazione dell’aggiudicazione definitiva di cui all’art. 76 del d.lgs. n. 50/2016;

– è, tuttavia, comprovato in atti che l’amministrazione ha provveduto alla pubblicazione degli atti di cui trattasi ai sensi dell’art. 29, co. 1, del d.lgs. n. 50/2016 in data 24.11.2020;

– in particolare ha pubblicato ai sensi della richiamata normativa l’ ”esito della gara”, nell’ambito del quale è stato specificato che “i verbali di gara sono disponibili nel portare Sitas e-procurament e nel sito istituzionale di questo ente”;

– i termini per ricorrere avverso gli atti di una procedura di gara decorrono: dalla pubblicazione generalizzata degli atti di gara, comprensiva anche dei verbali (ivi comprese le operazioni tutte e le valutazioni operate dalle commissioni di gara delle offerte presentante) ai sensi dell’art. 29, comma 1, ultima parte, D.Lgs. n. 50 del 2016;

– alla data di notifica del ricorso, ossia l’8.2.2021, pertanto, il termine perentorio di legge era orami inutilmente decorso;

Il ricorso viene dunque respinto.

Scritto da Roberto Donati

Laureato in scienze politiche, appassionato di diritto con esperienza ventennale nella pubblica amministrazione in qualità di responsabilità del settore gare ed appalti, ed attuale responsabile del servizio Affari Generali della Siena Parcheggi Spa (società in house del Comune di Siena).